Il progetto PEV Etiopia ha l’obiettivo di sostenere l'ambiente elettorale etiope e previene le violenze elettorali.
Il sostegno alla democrazia è al centro della politica estera e di sicurezza comune (PESC) dell'UE e della cooperazione allo sviluppo dell'UE con i paesi partner. L'UE fornisce un ampio sostegno alle iniziative e ai programmi che cercano di sviluppare e consolidare i diritti umani, le istituzioni democratiche e lo stato di diritto nei paesi partner.

Dall'inizio degli anni '90, una clausola sui diritti umani è stata inclusa in tutti gli accordi dell'UE con i paesi partner, in particolare l'accordo di Cotonou (2000) con i paesi dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP), che ha istituito il Fondo europeo di sviluppo (EDF).
L'UE in Etiopia e in Germania intende attuare una strategia di sostegno a lungo termine nel quadro dello sviluppo democratico e del sostegno ad una buona governance. Le azioni a sostegno della democratizzazione e del rispetto dei diritti umani, compreso il diritto di partecipare alla formazione dei governi attraverso elezioni libere ed eque, possono dare un importante contributo alla pace, alla sicurezza e alla prevenzione dei conflitti.

In questo contesto, l'UE ha stabilito un "pacchetto democratico" composto da quattro diversi interventi relativi al contesto generale delle elezioni generali del 2020, per una dotazione approssimativa di 22,95 milioni di euro:

  • Una Risposta Europea al Sostegno del Ciclo Elettorale in Etiopia (EURECS Etiopia) (16,55 milioni di euro, finanziato dall'Unione europea nell'ambito del Fondo europeo di sviluppo (EDF) e dalla KFW per conto del governo tedesco e attuato da ECES);
  • Prevenzione, mitigazione e gestione dei conflitti elettorali e delle potenziali violenze (PEV-Etiopia) (3,6 milioni di euro, finanziati dall'Unione europea nell'ambito dell'IcSP-FPI e attuati dal Centro europeo per il sostegno elettorale (ECES);
  • Sostegno al dialogo tra i partiti politici etiopi (1,8 milioni di euro, finanziato dall'Unione europea nell'ambito dell'IcSP-FPI e attuato dall'Istituto olandese per la democrazia pluripartitica (NIMD));
  • Creare un ambiente per un dialogo inclusivo e basato sulla conoscenza del processo politico in Etiopia (1 milione di euro, finanziato nell'ambito dello strumento che contribuisce alla stabilità e alla pace dello strumento di politica estera (IcSP-FPI) e attuato dall' International IDEA.


In questo contesto, nel giugno 2019 è stato lanciato il progetto Prevenzione, mitigazione e gestione dei conflitti elettorali e della violenza potenziale (PEV) in Etiopia. Il progetto 3.6M EURO è finanziato dall'Unione Europea nell'ambito dell'IcSP-FPI.
Il progetto PEV è attuato in sinergia con il progetto EURECS lanciato ad Addis Abeba nell'ottobre 2019, per un periodo di programmazione di 36 mesi, finanziato dall'Unione Europea nell'ambito del Fondo Europeo di Sviluppo per un importo complessivo di 7 milioni di euro, e dalla KFW (Banca Tedesca di Sviluppo) per conto del governo tedesco per un importo complessivo di 9,55 milioni di euro. Entrambi i progetti PEV ed EURECS si basano su missioni di identificazione e formulazione effettuate da ECES nel dicembre 2018 e sulla successiva presenza prolungata del personale di ECES in Etiopia. L'architettura concepita da ECES assicura che le azioni di EURECS-Etiopia siano complementari a quelle del progetto PEV-Etiopia. Presi insieme, i due progetti offrono un supporto che rafforza i reciproci obiettivi e si rivolgono sia agli elementi interni che esterni al ciclo elettorale e si rivolgono a tutti gli stakeholder elettorali più rilevanti.

PEV Etiopia istituisce una coalizione di attori non statali (NSA) con lo scopo di dar loro una voce più forte nei processi politici ed elettorali in Etiopia. La coalizione degli NSA istituita nell'ambito del progetto è dotata di capacità e viene assistita da vicino nello svolgimento di attività che contribuiscono cumulativamente alla prevenzione, alla mitigazione e alla gestione dei conflitti legati alle elezioni e delle potenziali violenze nel periodo che precede e segue le elezioni previste per il 2020. Il progetto mira a colmare un vuoto creatosi nel paese negli ultimi decenni utilizzando le elezioni del 2020 come piattaforma per testare le nuove competenze acquisite. Alla luce del processo di riforma e dello spazio aperto per gli ANS, è essenziale che questi attori ricevano un sostegno sostanziale per dare un contributo significativo che consenta l'autosufficienza al di là di questa azione e che segua il ciclo elettorale del 2020.

L'azione riconosce l'impatto ineguagliabile che una coalizione coordinata e mirata di ANS può avere. Pertanto, la coalizione NSA sarà il principale meccanismo di realizzazione attraverso il quale il progetto realizzerà le attività, strettamente assistito dal responsabile del progetto, da ECES e dai suoi associati. In quanto tale, la coalizione NSA non riceverà quindi solo il rafforzamento delle capacità e il supporto istituzionale, ma anche la formazione sul posto di lavoro attraverso la pianificazione, l'attuazione e la valutazione delle attività previste nell'ambito di questo progetto.
Questa azione è costruita intorno a sette aree di risultato interconnesse, che seguono:

  • Produzione e diffusione di dati di base, con rilevanza politica;
  • Creazione e sviluppo delle capacità di una coalizione di NSA, e di una più ampia gamma di NSA, nell'ambito dell'osservazione delle elezioni;
  • Miglioramento delle competenze nella leadership e nella gestione dei conflitti, nel monitoraggio dei media e nello sviluppo delle capacità dei giornalisti, non limitato alla coalizione NSA;
  • Attività di prevenzione, mitigazione e gestione dei conflitti elettorali guidate dagli NSA, che vanno dai coordinatori dei conflitti di base a un gruppo di mediazione informale e flessibile di anziani;
  • Capitalizzazione delle strutture di allarme rapido esistenti; rafforzamento delle capacità di prevenzione dei conflitti elettorali; creazione di un allarme rapido distinto per i conflitti elettorali attraverso la fusione in ciò che già esiste e la colmatura delle lacune;
  • Sala di consultazione elettorale guidata dall'NSA;
  • Educazione civica e di sensibilizzazione degli elettori e dialogo guidato dall'NSA con le strutture tradizionali che esplorano il ruolo dei giovani nella messaggistica a favore della pace.

Si prega di visitare il nostro sito web ufficiale del progetto: http://democracy-support.eu/ethiopia/