Eva Palmans è a capo della sezione Programmi e mobilitazione delle risorse presso ECES e membro del Consiglio. Da dieci anni lavora nell'area delle elezioni, della democrazia e della governance. Con un master in "Governance e Sviluppo" presso l'Institute of Development Policy and Management e un dottorato di ricerca sulle elezioni in Burundi presso l'Università di Anversa, Eva ha condotto importanti ricerche sul campo sulle elezioni in Africa (soprattutto nei paesi postbellici), costruendo forti relazioni con le reti di ricerca e gli attori chiave nel settore delle elezioni. Ha pubblicato diversi articoli sui processi politici ed elettorali e sul ruolo che i media e le organizzazioni della società civile svolgono in questi processi.

Eva ha ricoperto diverse posizioni di gestione e coordinamento in organizzazioni specializzate in programmi di rafforzamento delle capacità per le parti interessate elettorali (inclusi organi di gestione elettorale, partiti politici, organizzazioni della società civile e media). Per due anni (2008-2010) è stata coordinatrice regionale in Africa centrale (Burundi, Repubblica Democratica del Congo e Rwanda) per una ONG belga (Coalition of the Flemish North South Movement - 11.11.11) che gestisce progetti con organizzazioni locali in il campo delle elezioni e della democrazia (educazione civica, monitoraggio e osservazione delle elezioni). In collaborazione con la Fondazione internazionale per i sistemi elettorali (IFES) e l'Istituto elettorale per la democrazia sostenibile in Africa (EISA), ha fornito programmi di sviluppo delle capacità per le parti interessate elettorali e ha contribuito alla creazione della piattaforma delle organizzazioni di osservazione nazionale in Burundi. Nel 2011, Eva ha lavorato come responsabile del programma politico presso l'ufficio del Madagascar dell'EISA, dove era incaricata di attuare il "programma di rafforzamento dei processi elettorali e democratici". Ha fornito formazione e assistenza tecnica nei settori dell'educazione civica e degli elettori, osservazione elettorale, gestione dei conflitti elettorali e rafforzamento dei partiti politici e ha stabilito una rete con organizzazioni internazionali e regionali come la Comunità per lo sviluppo dell'Africa meridionale (SADC), UE, UNDP e OIF . Ha una vasta esperienza lavorando in missioni di osservazione elettorale con la Commissione Europea e l'EISA sia come osservatore (Mozambico 2009, Togo 2010, Costa d'Avorio 2010, Seychelles 2011, Tunisia 2011) sia come esperto politico / paese (Burundi 2010, Costa d'Avorio 2011) ). Eva è una facilitatrice formatrice BRIDGE accreditata. Ha condotto diversi programmi di formazione e fornito assistenza tecnica a osservatori nazionali, organi di gestione elettorale e partiti politici. È entrata in ECES come consulente elettorale senior ed è stata nominata responsabile dei programmi nel settembre 2013.

Eva Palmans è autrice di numerose pubblicazioni come:

  • Using International Standards. Council of Europe Handbook for Domestic Election Observers (2013)
  • Burundi’s 2010 elections: Democracy and Peace at Risk? Conference: “Elections and Transition to Democracy in Africa” (organised by the African Research and Resource Forum (ARRF) (Dar-es-Salaam, 26-27 July 2012).
  • Madagascar: Finally a way out of the political impasse? (2011)
  • Les élections de 2010 au Burundi : Quel avenir pour la démocratie ? in Journal of African Elections vol.10 n°1 – EISA, June 2011, pp.48-73.
  • Médias et politique en situation de crise: le cas du Burundi, PhD (June 2008), University of Antwerp. PALMANS, E., « La société civile au Burundi », in REYNTJENS, F. et S. MARYSSE, L’Afrique des grands lacs. Annuaire 2005-2006, Paris, L’Harmattan, 2006, pp. 209-232.
  • “Burundi”, In: Africa yearbook; 2: Politics, economy and society south of the Sahara in 2005 / Mahler Andreas [edit.], e.a., Leiden, Brill, 2006, pp. 265-274.
  • « Les médias face au traumatisme électoral au Burundi », in Politique Africaine N°97, Paris, Karthala, mars 2005, pp. 66-82.
  • « La liberté de la presse au Rwanda et Burundi » in: REYNTJENS F., S. MARYSSE, L’Afrique des grands lacs, Paris, L’Harmattan, 2003, pp. 47-70.

Lingue: olandese, francese, portoghese, inglese.